Stampa
Categoria: AUTORIPARAZIONE

Le operazioni di revisione dei veicoli a motore costituiscono una importante fase per il perseguimento della sicurezza della circolazione e del risparmio energetico. Un veicolo in buono stato di  efficienza è più sicuro ed ha minori consumi.

Ogni officina che intenda effettuare le operazioni di revisione sui veicoli a motore deve preliminarmente nominare un Responsabile Tecnico, che è tenuto a presenziare e certificare personalmente tutte le fasi delle operazioni di revisione che si riferiscono alla sua responsabilità.

Ai sensi della normativa vigente, recepita dalla Regione Marche con DGR 610 del 16/05/2005, per diventare Responsabile Tecnico per la Revisione dei Veicoli a Motore è obbligatoria la frequenza di un corso di formazione composto da 4 moduli teorici e 1 modulo prativo per un totale di 36 ore, prevedendo poi un esame finale per il rilascio dell’Attestato di Idoneità Professionale.

Inoltre la DGR 894 del 31/05/2010 comprende tra i destinatari della formazione anche i sostituti temporanei (per un massimo di 30 giornate l’anno), ai quali verrà rilasciato un attestato di frequenza.

Il requisito di accesso al corso è, per i Responsabili, il possesso di uno tra i seguenti titoli di studio: diploma di perito industriale, geometra, maturità scientifica, diploma di maturità conseguito presso istituti professionali per l’Industria e l’Artigianato, diploma di Laurea o Laurea Magistrale in Ingegneria. Per i sostituti non vi sono particolari requisiti di accesso, se non la maggiore età e l’obbligo scolastico.

Il corso, autorizzato dalla Regione Marche Presidio Formazione Pesaro-Urbino e Ancona con DDPF 518 del 21/09/2017 si terrà a partire dal 14/12/2017 ad Ancona. Le lezioni teoriche si svolgeranno presso la sede Form.Art.Marche in via Sandro Totti n.4, mentre la parte pratica si svolgerà presso il C.S.A. Consorzio Servizi Autoriparatori in via I° Maggio 16.

Alleghiamo il modulo di iscrizione da compilare, il corso è limitato a 17 partecipanti e si procederà all’iscrizione secondo il protocollo di arrivo delle domande.